Alessandro tradisce la sua donna su We Flirt.

Trombamici a roma per incontri sessoLa mia vita è sempre stata molto ordinaria, casa, lavoro, amici e di nuovo casa, convivo con una ragazza da circa tre anni di nome Marika che ha 27 anni, una di quelle tipe tranquille che difficilmente si lasciano andare a nuove esperienze.

Inizialmente la convivenza era bella, tutto sapeva di novità e anche le cose più banali sembravano straordinarie, c’era una grande intesa sessuale e ci divertivamo molto insieme.

Col tempo la novità è diventata abitudine e nonostante le mie continue richieste, in particolare a letto, lei continuava a darmi tanti rifiuti e poche speranze di apertura.

Così, un pomeriggio in ufficio, in un momento di pausa, provai a visitare un sito d’incontri di cui avevo sentito parlare da un paio di colleghi, il suo nome è We Flirt.

Mi registrai gratuitamente e in pochi secondi ebbi libero accesso a migliaia di profili di bellissime ragazze in cerca di trombamici a Roma, la mia città, e ad avere nuovi incontri.

Tra i vari profili, ecco quello di Elena

La mia attenzione fu attirata dal profilo di una certa Elena, una ragazza bellissima, occhi verdi, capelli neri, formosa, un seno grosso e sodo, era stupenda, almeno stando alla foto del suo profilo.

Decisi di farmi coraggio e inviarle un messaggio privato, era online e mi rispose subito, passammo diverse ore a scambiarci battute e a conoscerli virtualmente, le feci intendere che cercavo qualcuno che ravvivasse un po’ le mie giornate, in particolare, a letto.

Stavo tradendo la mia ragazza e ne ero consapevole, ma dopo tanti avvertimenti ero stufo di stare ad aspettare, avevo bisogno di sfogare i miei impulsi.

Io e Elena ci demmo appuntamento dal vivo il giorno dopo, eravamo della stessa città, inventai una scusa con Marika ed uscii prima dall’ufficio, ci incontrammo davanti al monumento di una piccola piazza.

La riconobbi subito, era esattamente come nella fotografia, ci salutammo e salimmo in macchina. Avevo preso una stanza in un albergo fuori città, volevo tempo per godermi quell’incontro, non mi bastava una scopata veloce in macchina.

Entriamo in camera e diamo il via al divertimento

Arrivati in stanza ci dicemmo poche parole, entrambi eravamo li per la stessa cosa, il sesso. Ci baciammo con passione, le infilai la lingua in bocca e le misi le mani sul sedere, l’attirai a me con forza, il mio bacino era contro il suo, riuscì a sentire la mia eccitazione.

Mi morse le labbra e mi sussurrò che aveva voglia di farmi godere e leccarmi, così si chinò sedendosi sul letto, tirò fuori il mio membro e lo prese in bocca.

La sua lingua mi sfiorò ogni centimetro del mio sesso diventato subito duro al tocco con le sue labbra, mi fece un perfetto lavoro di bocca, succhiandomelo e leccandomelo.

Quando fui totalmente eccitato, la spogliai e la feci stendere sul letto, era bellissima, mi dedicai al suo seno e ai capezzoli, leccai ogni parte del suo corpo fino a perdermi in mezzo alle sue gambe.

Le feci sentire la mia lingua, la sua intimità era completamente bagnata, non resistevo più, la feci girare e mettere a novanta gradi e le entrai dentro fino in fondo. La mia ragazza non si era mai fatta scopare in quel modo che a me faceva impazzire; Elena si aggrappò alla spalliera del letto ed io ci diedi dentro con tutta la voglia che avevo in corpo, cambiammo posizione diverse volte, si faceva fare qualsiasi cosa io desiderassi e alla fine raggiunsi l’orgasmo ed accolse i miei umori nella sua bocca.

Quando la sera tornai a casa, mi sentii finalmente appagato, la mia ragazza notò il mio cambio di umore e mi disse che non sapeva cosa mi avesse reso così allegro ma che qualunque cosa fosse avrei dovuto continuare a farla.

Ed ora , io ed Elena scopiamo un giorno a settimana da quella volta in cui ci contattammo su We Flirt.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *